****************************************************************************************************************************************************


HOME--------------------INFISSI in ALLUMINIO------LAVORI in LEGNO

domenica 14 febbraio 2016

Rifiuti? Risorse!

Un comune che collabora con la scuola su tematiche ambientali ed economiche!!!!!, ecco cosi dovrebbe funzionare in "funzione a quanto dichiarano" nell efficienza sulla differenziata. I premi comune riciclone che ritirano dovrebbero essere frutto di cooperazione tra la partecipata, l' amministrazione e il CITTADINO, e non funziona cosi. 

Ps: i dispenser dell acqua nei plessi del comune di barano sono inscatolati da 8 mesi negli antroni dei plessi!!!!

""Torna per il quarto anno il progetto “Rifiuti?Risorse!”, un percorso per la corretta gestione dei materiali post utilizzo nelle scuole di Parma. Ed è giunto alla sua seconda edizione il concorso “RifiuTiAmo”.La partecipazione e l’entusiasmo di chi ha aderito alle passate edizioni hanno confermato quanto siano profondi l’interesse e la sensibilità per la tematica ambientale proposta. Ne hanno parlato nel corso della conferenza stampa di presentazione, la vicesindaco Nicoletta Paci con delega ai servizi educativi; l’assessore all’ambiente Gabriele Folli e Cristina Di Patria in
rappresentanza di Gestione Corretta Rifiuti e Risorse Parma.“Il progetto “Rifiuti?Risorse!” – ha spiegato la vicesindaco Nicoletta Paci – si connota per il suo alto valore educativo ed ha l’obiettivo di insegnare ai giovani il processo di recupero dei rifiuti. Per questo, prevede degli incentivi per gli studenti che effettuano la raccolta differenziata in modo corretto”.“Informazione ed educazione – ha precisato l’assessore all’ambiente Gabriele Folli – sono alla base di una cultura più consapevole in tema di rifiuti che produciamo e che hanno una ricaduta in termini ambientali. Il progetto lavora sulle nuove generazioni infondendo loro la consapevolezza di una corretta gestione dei rifiuti stessi”. Al momento hanno aderito al progetto circa 80 scuole tra nidi di infanzia, scuole dell’infanzia, scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, pari a circa 16 mila studenti.“Siamo alla quarta edizione del progetto “Rifiuti?Risorse!” ed al secondo anno del concorso “RifiuTiAmo” – ha fatto presente Cristina Di Patria di Gcr Parma – con l’intento di innescare comportamenti virtuosi nei migliaia di ragazzi che hanno aderito all’iniziativa. L’obiettivo è quello di ridurre il rifiuto residuo.Alla fine verranno premiati coloro che si saranno impegnati di più in questo senso. Il tema del concorso “RifiuTiAmo”, quest’anno, è quello dell’impatto dei rifiuti su aria, terra ed acqua. I partecipanti sarannochiamati a produrre un’opera. Sono quattro le categorie previste: artistico espressiva, documentari ed opere fotografiche, poesie e racconti brevi e foto pubblicitaria”.Sempre più alla ribalta della cronaca “glocale”, infatti, il tema dei rifiuti e delle risorse investe l’intero sistema economico mondiale, le politiche di gestione locale e la vita quotidiana di ciascuno. 
Condividendo dunque questi stimoli, in pieno accordo con la strategia “Rifiuti Zero” e con l’idea di un’economia circolare che elimini il concetto stesso di rifiuto, nell’intento di ridurre gli sprechi e, conseguentemente, i rifiuti, anche per l’anno scolastico 2015/2016 l’Associazione “Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma”, con il patrocinio e la coorganizzazione del Comune di Parma, propone alle scuole della città la IV edizione del progetto “Rifiuti?Risorse!”, con la collaborazione dei diversi portatori locali di interesse quali riciclatori, associazioni ambientaliste e/o impegnate nella tutela del territorio.Il progetto “Rifiuti?Risorse!” è legato al concorso a premi “Rifiu-ti-amo!” e si rivolge alle scuole statali,paritarie e private (nidi, scuole dell’infanzia, scuole primarie e scuole secondarie di I e II grado) e si sviluppa su alcune azioni principali, finalizzate a ridurre la quantità di materiali di scarto, in particolare di quelli indifferenziati, per evitare sprechi di materia; organizzare un sistema che faciliti la raccolta differenziata in tutti gli ambienti scolastici, predisponendo gli appositi contenitori;ottimizzare la qualità del materiale raccolto, che deve essere conferito in modo adeguato.
Come lo scorso anno, con l’avvio della tariffazione puntuale, da settembre 2015, anche le scuole vengono monitorate da Iren per i volumi di rifiuti indifferenziati prodotti.La sfida ambiziosa di quest’anno è quella di ridurre con maggior decisione i rifiuti indifferenziati, prodotti tra febbraio e maggio 2016, rispetto quelli d’inizio anno, attivando tutti i possibili accorgimenti,che dovranno esser tesi a: sensibilizzare in vario modo gli alunni, rendendoli protagonisti del progetto; responsabilizzare tutti i soggetti interessati, siano essi adulti o studenti; potenziare la raccolta differenziata di qualità; prestare attenzione, per quanto possibile, alle scelte di consumo (per esempio, negli acquisti, che potrebbero orientarsi verso materiali riciclati o riciclabili al 100% come la carta per fotocopie, le salviette usa e getta, gli articoli di cancelleria, le cialde del caffè, i bicchierini di plastica, etc).Come negli anni passati, per realizzare una raccolta ottimale saranno fornite alle scuole tutte le indicazioni e i suggerimenti necessari, anche attraverso la consultazione del sito http://rifiutirisorse.weebly.com/dal quale sarà possibile scaricare il “Decalogo” e il “Rifiutologo”: il primo è un pieghevole con utili consigli sulla suddivisione dei diversi materiali da differenziare; il secondo è una guida utile a fugare tutti i dubbi sulla loro riciclabilità.
Con un’efficace organizzazione interna e un’attenta sensibilizzazione, si innescheranno comportamenti virtuosi, esempio concreto di “cittadinanza attiva”, che verranno premiati attraverso un riconoscimento economico.Gli obiettivi prefissi sono fondamentalmente: accrescere sensibilità e cultura in materia di gestione dei materiali post utilizzo; far conoscere le realtà virtuose del territorio che si occupano di recuperare e riciclare i materiali post utilizzo; riconoscere l’impegno delle scuole nel migliorare i propri risultati e nell’assumere comportamenti sempre più consapevoli dell’effetto che hanno i rifiuti su ambiente e salute.Classifica e premi:La classifica degli istituti più virtuosi verrà stilata in base al numero di svuotamenti effettuati per il rifiuto residuo, parametrata al numero degli alunni dell’istituto, nel periodo Febbraio /Maggio 2016.Per il primo obiettivo del progetto, il Comune di Parma stanzierà una somma complessiva pari ad € 2.000 da distribuirsi come segue:-euro 400 al primo classificato tra i nidi d’infanzia-euro 400 alla prima classificata tra le scuole dell’infanzia-euro 400 alla prima classificata tra le scuole primarie-euro 400 alla prima classificata tra le scuole secondarie di I grado-euro 400 alla prima classificata tra le scuole secondarie di II grado.
Come iscriversi:Come illustrato sopra, a seguito del sistema di tariffazione puntuale per il pagamento della Tari, tutte le scuole sono già inserite nel sistema di conteggio del rifiuto residuo.Presa visione del progetto, quindi, chiediamo di compilare il modulo di iscrizione allegato, quale dichiarazione di condivisione degli obiettivi e partecipazione al miglioramento degli stessi per l’ inserimento nella classifica che decreterà a fine Maggio i più virtuosi.L’adesione, utilizzando il modulo allegato, deve essere inoltrata entro il 12.02.2016 ai seguenti indirizzi email: rifiutirisorse@gmail.comPer info: rifiutirisorse@gmail.com e http://rifiutirisorse.weebly.com/Il concorso “RIFIU-TI-AMO!”E’ stato proposto per la prima volta lo scorso anno scolastico 2014-2015 con risultati molto soddisfacenti, confluiti in una bellissima mostra presso la Casa della Musica.Considerato l’interesse suscitato, il concorso viene ripresentato anche quest’anno quale occasione di approfondimento sulla vasta tematica dei rifiuti, allo scopo di stimolare soprattutto la creatività dei ragazzi nel campo artistico-espressivo.
A fine maggio, le opere realizzate verranno esposte in una mostra aperta alla cittadinanza.Il tema proposto per l’edizione 2015-2016 si riallaccia al pensiero di Lorenzo Tomatis, citato nella premessa del progetto “Rifiuti?Risorse!”: i partecipanti sono invitati a realizzare un’opera che rappresenti gli elementi naturali (Acqua, Aria e Terra) e l’impatto che i rifiuti e il sistema dell’usa e getta ha su di essi.Gli elementi naturali rientrano nelle programmazioni dei diversi ordini di scuola; l’idea del concorso è quella di porli in stretta relazione al tema dei rifiuti, sviluppandoli secondo quattro categorie:– opera artistico-espressiva, con l’utilizzo di materiali di recupero (ad esempio: sculture, dipinti, decoupage, quadri materici, giocattoli, mosaici, etc.);– opera fotografica o video-documentario, che testimoni i piccoli o grandi problemi derivanti dalla dispersione o dagli sprechi di materiali nell’ambiente (anche quello a noi prossimo: il quartiere, la campagna, l’Appennino) e che presenti delle proposte/progetti volti a risolvere o limitare i danni provocati (idee sul riciclo dei materiali, proposte di gestione virtuosa dei materiali post utilizzo, creazione di ulteriori filiere di riciclo, etc);– poesia o racconto breve sull’argomento (ad esempio: componimenti, filastrocche, canzoni, numeri monografici di giornali di classe/scuola dedicati al tema del concorso);– spot pubblicitario sul genere della pubblicità progresso, sotto forma di fumetto, disegno, video; ma anche creazione di siti web, blog, pagine sui social network.Il concorso è riservato alle scuole statali, paritarie e private (nidi, scuole dell’infanzia, scuole primarie e scuole secondarie di I e II grado) che hanno aderito all’edizione 2015-2016 del Progetto “Rifiuti?Risorse!”.
L’iscrizione e la partecipazione al concorso sono gratuite e facoltative (per chi ha aderito al progetto, la partecipazione al concorso non è obbligatoria , ma auspicabile).Sono istituite 5 classi di concorso: Nidi d’infanzia, Scuole dell’infanzia, Scuole primarie, Scuole secondarie di I grado, Scuole secondarie di II grado.Inserito nell’ambito di un progetto destinato ad accrescere la sensibilità e la cultura sulla corretta gestione dei rifiuti, il concorso è incentrato sull’educazione e sulla sostenibilità ambientale ed è finalizzato a stimolare i giovani, con il supporto dei propri insegnanti, ad esprimere nelle forme ritenute più congeniali la loro capacità interpretativa del tema proposto.Modalità di partecipazioneCiascun istituzione scolastica iscritta potrà presentare fino ad un massimo di 2 opere selezionate tra quelle prodotte dalle classi del proprio Istituto, per ogni ordine di scuola. Per le opere che richiedono supporti multimediali si precisa che ciascun partecipante dovrà dotarsi degli strumenti necessari alla visione/proiezione in mostra dell’opera realizzata.Iscrizione al concorso.
Per iscriversi al concorso ciascuna scuola dovrà inviare entro il 12 Febbraio 2016 la scheda di iscrizione, scaricabile dal sito http://rifiutirisorse.weebly.com/ al seguente indirizzo di posta elettronica:rifiutirisorse@gmail.comOgni scuola partecipante accetta il presente regolamento al momento dell’iscrizione.Entro il 16 Aprile 2016 ciascuna scuola partecipante dovrà inviare all’indirizzo e-mail la scheda di iscrizione alla categoria del concorso “Rifiu-Ti-Amo!”, scaricabile dal sito.Le opere dovranno essere portate presso il luogo dove sarà allestita la mostra espositiva. Luogo ed orari di accesso per l’allestimento, a cura del partecipante, saranno comunicati alle scuole con apposita mailentro il 10 Maggio 2016.I referenti dovranno allegare al lavoro prescelto una scheda di progetto in forma libera che contenga le seguenti indicazioni: scuola di appartenenza con indirizzo completo; categoria di appartenenza dell’opera; descrizione del lavoro presentato; classe/i che hanno realizzato l’opera; nome del docente/i che ha/hanno coordinato il lavoro.
Tutte le opere pervenute saranno esaminate dalla commissione esaminatrice composta da: 1 delegato per ciascuna associazione partecipante, 1 delegato Comune di Parma, 1 delegato Gcr (presidente giuria).Le opere saranno valutate per la loro creatività, qualità, originalità e per come interpretano il suddetto tema del concorso.La cerimonia di premiazione si terrà entro il 31 maggio 2016.Fase finale e premiazioneAd ognuna delle 5 classi di concorso saranno assegnati i seguenti premi, consistenti in buoni acquisto di materiale didattico presso la ditta Spaggiari di Parma.Primo premio pari ad € 300, secondo premio pari ad € 200, terzo premio pari ad € 100A tutte le scuole partecipanti sarà consegnato un attestato di partecipazione.Copia del presente regolamento e degli allegati sono consultabili e scaricabili dal sito http://rifiutirisorse.weebly.com/ .Sul sito sarà possibile trovare informazioni aggiornate sull’andamento dell’iniziativa.""

FONTE

Nessun commento: