****************************************************************************************************************************************************


HOME--------------------INFISSI in ALLUMINIO------LAVORI in LEGNO

mercoledì 14 dicembre 2011

Il diavolo e l' acqua santa

Hai paradossi non c'è mai fine.........Legambiente che tratta d' integrazione!!e sostenibilità con Terna!!!!!Legaambiente resta muta per il progetto ad anello per le isole del golfo ,una devastazione finita in terraferma ,che continua a mare e parlano di sostenibilità!!!Il pezzo conclude con una frase che sa di delirio : "è necessario un adeguato potenziamento della rete che deve avvenire nel rispetto dell’ambiente e del paesaggio”.......alla follia non vi è mai fine!!
Insieme analizzeranno le ipotesi di localizzazione di nuove linee di distribuzione che attraversano aree sensibili del territorio nazionale (Rinnovabili.it) – Legambiente e Terna lavoreranno insieme per lo sviluppo sostenibile della rete elettrica italiana. E’ di oggi, infatti, l’annuncio di un protocollo d’intesa fra società di distribuzione e associazione ambientalista dedicato alla salvaguardia della risorsa ambientale italiana. Il neo accordo servirà infatti mettere a punto attività di collaborazione inerenti sia il Piano di Sviluppo (PdS) di Terna sia le fonti energetiche rinnovabili. L’intesa, della durata di oltre due anni, servirà a
dare massima priorità all’aspetto ambientale nei piani di sviluppo dell’infrastruttura elettrica nazionale, considerando l’integrazione territoriale delle opere programmate una priorità assoluta, e a promuovere, di conseguenza, tutte le iniziative di informazione necessarie a diffondere e accrescere la cultura della Sostenibilità in campo energetico. Il piano operativo inizierà con uno scambio di informazioni e pareri su temi di comune interesse; quindi Terna predisporrà analisi tecniche volte a misurare l’integrazione territoriale e ambientale delle opere previste nel PdS 2012 e 2013 e analizzerà, insieme a Legambiente, le ipotesi di localizzazione delle nuove linee aprendo all’ipotesi di azioni di mitigazione e compensazione per ridurre al minimo l’impatto visivo e ambientale delle stesse. Inoltre, assieme realizzeranno analisi, studi sullo stato dell’arte e scenari di sviluppo del settore delle fonti rinnovabili che integrino prima di tutto i dati relativi agli interventi di connessione alla rete. “L’espansione delle energie rinnovabili negli ultimi anni ha determinato una significativa crescita tecnologica e occupazionale del Paese – ha dichiarato il Presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza. - Per continuare sulla strada dello sviluppo è necessario un adeguato potenziamento della rete che deve avvenire nel rispetto dell’ambiente e del paesaggio”.
FONTE

Nessun commento: