****************************************************************************************************************************************************


HOME--------------------INFISSI in ALLUMINIO------LAVORI in LEGNO

giovedì 18 luglio 2013

Compostaggio domestico :cenni di legislazione

Tutto ciò che finora è stato fatto in Campania per incentivare lo studio ,la conoscenza e la tecnica della pratica del compostaggio. 
Compostaggio domestico :cenni di legislazione 
ALLEGATO 1 SISTEMA DI MONITORAGGIO E METODO STANDARD DI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI DELLA REGIONE CAMPANIA . 
Autocompostaggio: Il compostaggio è un processo naturale che trasforma gli scarti vegetali e la frazione umida dei rifiuti in compost da utilizzare come ammendante per l’agricoltura o il giardinaggio. Applicato a livello domestico il compostaggio è definito autocompostaggio. I rifiuti che si possono compostare sono scarti di cucina, quali avanzi di frutta, verdura, carne,
pesce, fondi del caffé, gusci d'uovo, piccole ossa e scarti della manutenzione delle aree verdi domestiche, come ad esempio fogliame, fiori, sfalci erbosi, ramaglie di potatura. Il compostaggio può essere effettuato utilizzando compostiera o casse di compostaggio, cumuli o concimaie di proprietà o in comodato. 
IMPEGNI DEL CITTADINO SOTTOSCRITTORE DEL PRESENTE ATTO 
Il Cittadino sottoscrittore del presente atto, si impegna a:
1) a recuperare la frazione umida dei rifiuti prodotta dal proprio nucleo familiare presso la propria abitazione per mezzo del compostaggio domestico e ad utilizzare i prodotti solo sul proprio orto, giardino, fioriere;
2) a non conferire al circuito di ritiro/raccolta rifiuti (porta a porta, ecc.) scarti di cucina, vegetali e sfalci verdi, ramaglie e residui di potatura provenienti dal proprio giardino o orto (CER 200108), esonerando il Comune dalla raccolta della frazione umida prodotta;
3) a conservare in buono stato la compostiera, eventualmente ricevuta dal Comune, secondo le indicazioni ricevute, evitando di danneggiarla e prevenendo i problemi derivanti da una cattiva gestione;
4) a restituire la compostiera ricevuta dal Comune che rimane proprietario della stessa nel caso decidesse, per qualsiasi ragione, di non continuare ad utilizzarla;
5) qualora il compostaggio non venga più attuato a comunicare la variazione al Comune;
6) comunicare ogni variazione del nucleo familiare;
7) ad accettare le verifiche periodiche che verranno effettuate, anche senza preavviso, da parte del personale incaricato dal Comune e/o da parte dell’ Osservatorio Regionale dei Rifiuti, svolto con qualunque tecnologia ma non attraverso terzi, e volto ad accertarne la conformità a quanto convenuto e l’effettiva pratica del compostaggio. ART. 5


IMPEGNI DA PARTE DEL COMUNE 
Il Comune si impegna a:
1) nominare un responsabile del controllo delle attività di compostaggio;
2) ad applicare al Cittadino una tassa/tariffa adeguata al minore conferimento di rifiuti solidi urbani in ottemperanza al Regolamento Comunale del Compostaggio Domestico ed al Regolamento Comunale Tarsu disciplinante l’organizzazione, le modalità e l’entità dell’eventuale sconto/riduzione per gli utenti aderenti alla pratica del compostaggio domestico. ART. 6 REFERENTI Il Responsabile designato dal Comune per la gestione delle attività oggetto del presente accordo è il Dott. ___________________________________________. Il Comune si riserva il diritto di sostituire il responsabile come sopra individuato, dandone tempestiva comunicazione alla controparte.

QUINDI riassumendo il Comune dovrebbe :
1) predisporre il Regolamento comunale per la riscossione della tassa/tariffa,
2) prevedere sconti/riduzioni per i cittadini aderenti alla pratica del compostaggio domestico; il Cittadino dovrebbe sottoscrivere un documento dove dichiara tra l'altro che intende condurre l’attività di autocompostaggio della frazione umida dei rifiuti prodotta dal proprio nucleo familiare che consta di numero persone, presso la propria abitazione sita alle coordinate geografiche (latitudine e longitudine), ovvero all’indirizzo nello stesso Comune della controparte; -che il Cittadino, al fine di consentire eventuali controlli, è disposto a rilasciare il proprio numero di telefono fisso, oppure il proprio indirizzo e-mail, oppure il proprio contatto Ms-Messenger: __...(il modello va ritirato al proprio comune di appartenenza)
(Link per i comuni)
http://orr.regione.campania.it/osservatorio/front_office/Home
http://orr.regione.campania.it/osservatorio/front_office/Doc?sez=13&act=intro( Sistema Nazionale dell'Informazione, Formazione ed Educazione Ambientale (INFEA)

Nessun commento: