****************************************************************************************************************************************************


HOME--------------------INFISSI in ALLUMINIO------LAVORI in LEGNO

martedì 27 dicembre 2011

Via l'eternit per il fotovoltaico. Comune sponsor del progetto

Succede a Vicenza :L'Amministrazione aderisce all'iniziativa di Legambiente per gli edifici industriali ,via l'eternit per il fotovoltaico, il Comune sponsor del progetto .Opera gratis in cambio dell'energia e del diritto di superfìcie sul tetto. 
Via i tetti in eternit dai capannoni industriali, largo ai pannelli fotovoltaici per la produzione di energia. È l'obiettivo di "Provincia eternit free", l'iniziativa promossa da Legambiente e alla quale il Comune di Vicenza, primo in Italia a fianco di diverse Province, ha deciso di aderire. L'obiettivo è incentivare la rimozione delle vecchie coperture in amianto, perlopiù di edifici industriali, sostituendole con pannelli fotovoltaici. Il Comune calcola in almeno «una ventina» i grandi edifici industriali della zona ovest che potrebbero essere interessati all'operazione. L'adesione del Comune ha assunto la forma di una decisione di Giunta, portata nel corso dell'ultima seduta su iniziativa dell'assessore all'Ambiente Antonio Marco Dalla Pozza. «Non obblighiamo nessuno ad aderire all'iniziativa - spie- ga Dalla Pozza - ma ci facciamo promotori di un'opportunità in cui ravvisiamo l'interesse pubblico sotto il profilo ambientale».
L'INIZIATIVA. Con questa iniziativa Legambiente, tramite una "Esco" acronimo di Energy Saving Company, finanzia interventi di rimozione delle
coperture in eternit e smatlimento, e di installazione di pannelli fotovoltaici; un'operazione "chiavi in mano" per la quale la Esco ottiene in cambio i ricavi del conto energia e la cessione - da parte del proprietario dell'immobile - del diritto di superficie sul tetto per la durata di 20 anni. Non un vincolo da poco, ma è comunque un'opportunità per quei proprietari di capannoni che sono scoraggiati dall'investimento in proprio per viadegli elevati costi di rimozione e smaltimento dell'eternit e di realizzazione di una copertura a pannelli fotovoltaici. Il proprietario può, in alternativa, pagare autonomamente l'investimento e beneficiare del meccanismo del "conto energia" sull'elettricità prodotta dall'impianto installato. Il "conto energia" è la valvola che hafatto esplodere negli ultimi anni il fotovoltaico in Italia, ma i fondi potrebbero esse- re agli sgoccioli se nel corso del 2012 il Governo non approverà un rifinanziamento.
GLI INTERESSATI. L'iniziativa "Provincia eternit free" è nata per rivolgersi alle Province. Anche quella di Vicenza aveva manifestato un iniziale interesse, ma ora è il Comune a prendere la palla al balzo e a candidarsi. Atal fine, l'assessore Dalla Pozza ha scritto una lettera a Legambiente, alla cui risposta - se positiva - sarà dato avvio alla promozione. «Il compito del Comune - affermal'assessore - è favorire ladiffusione di questa buona pratica, senza tuttavia obbligare nessuno. Quando avremo il vialiberadi Legambiente, promuoveremo accordi con le categorie e gli ordini professionali su questo tema». L'iniziativa riguarda immobili «privati o pubblici che hanno tetti di grandi superfici, superiori ai 2.500 metri quadri». Gli uffici comunali stimano in «una ventina» gli edifici con queste caratteristiche «in « zona industriale». TYitti coperti da amianto? Sì, ma non deve diventare uno spauracchio, osserva l'assessore. «È noto che l'eternit in buone condizioni e con la corretta manutenzione non è pericoloso, mentre lo diventa se viene rimosso senza le dovute precauzioni».
Fonte Il giornale di Vicenza

Nessun commento: